Le 5 fortezze del lago di Garda da visitare! Tante sono le rocche ed i borghi fortificati che è possibile vedere nel territorio del Garda, da sempre ritenuto strategico e protagonista nel corso delle varie epoche storiche.

IMG_pos_FORTEZZE_550x150px1

1 – Peschiera del Garda
Da sempre questa città del basso lago di Garda fu un luogo strategico e militare, ma solo con Mastino della Scala ebbe inizia una vera e propria opera di fortificazione. Con l’avvento della Repubblica di Venezia la fortezza di Peschiera del Garda assunse la forma attuale a base pentagonale e fu completamente cinta da mura. Nell’800 vennero aggiunte altre costruzioni a completamento della fortezza, quali la caserma di Fanteria, l’ospedale militare e la caserma d’artiglieria, oggi sede prestigiosa di convegni, mostre ed eventi culturali.

IMG_pos_FORTEZZE_550x150px2

2 – Arco
Arx, nome da cui deriva Arco, significa fortezza, per indicare la conformazione di questo borgo fortificato sulla sponda trentina del lago di Garda. Testimonianze certe dell’esistenza di Arco risalgono al XII secolo mentre la completa edificazione della fortezza, a scopo difensivo, avvenne all’incirca nell’anno Mille per mano dei “nobili liberi” della comunità esistente. In un acquerello del 1495  realizzato dall’artista tedesco Albrecht Dürer,  viene rappresentato il complesso del castello di Arco come un piccolo villaggio fortificato. Questo borgo era difeso da possenti mura e da un valido sistema di avvistamento grazie alle torri presenti ai vari lati del nucleo centrale. La Renghera, posta nella parte più alta della rupe e la Grande erano le due torri principali. Ancora oggi è possibile visitare i resti del Castello di Arco.

IMG_pos_FORTEZZE_550x150px3

3 – Riva del Garda
Le prime notizie certe in merito all’esistenza di Riva (Ripa) risalgono all’epoca romana, anche se gli ultimi scavi nei siti archeologici del territorio di Riva del Garda, hanno fatto emergere resti di quello che si presuppone essere stato un villaggio-santuario fortificato di epoca preromana e romana.  Si deve alla dominazione dei veneziani la costruzione del Bastione, eretto nel Cinquecento sopra i resti di una preesistente fortificazione medioevale. Successivamente Riva fu fortificata sulle pendici del Monte Rocchetta anche ad opera degli austriaci che la resero un caposaldo mai espugnato dall’esercito italiano, fino a quando l’Esercito Imperiale si ritirò nel 1918.  La fortezza di Riva del Garda apparteneva al Subrayon III (il sistema di fortificazioni austriache al confine italiano), con il compito di impedire le avanzate dalla val di Ledro e dalla val d’Ampola, evitando così l’avvicinamento a Trento e alla valle dell’Adige.

IMG_pos_FORTEZZE_550x150px4

4 – Lonato del Garda
La fortificazione di Lonato, borgo nel basso lago di Garda, risale a dopo il 909, anno in cui gli Ungari distrussero la città. Nel corso degli anni e delle varie epoche storiche, Lonato del Garda fu dominato da varie popolazioni e famiglie che se lo contendevano in quanto borgo fortificato considerato come strategico dal punto di vista difensivo e militare. Il complesso fortificato di Lonato fu di proprietà dei conti di Montichiari, degli Scaligeri e nel 1376 dei Visconti che estesero le mura di fortificazione a tutto il borgo abitato. Oggi la Rocca di Lonato, risalente al medioevo, ospita il Museo Civico Ornitologico “Gustavo Carlotto”.

IMG_pos_FORTEZZE_550x150px5

5 – Rivoli Veronese
Il Forte Rivoli è chiamato e conosciuto anche come Forte Wohlgemuth, nome di un generale dell’impero distintosi durante la prima guerra di indipendenza. Il forte è situato sopra il fiume Adige, su di un’altura del monte Castello. La fortezza di Rivoli venne  costruita per difendere il confine austriaco e, a seguito dell’annessione del Veneto al Regno d’Italia, passò in mano al Regio Esercito, che ne cambiò definitivamente il nome in Forte Rivoli. Una delle caratteristiche principali di questa fortezza era quella di poter puntare il fuoco in un raggio completo di 360°. Ciò era possibile grazie alla conformazione strutturale molto simile a quella delle Torri Massimiliane Veronesi e alla posizione strategica che concedeva ampia visibilità.  Oggi il Forte Rivoli è visitabile ed aperto al pubblico ed ospita il museo di storia militare Walter Rama.