Affrontiamo ora i percorsi da fare in bicicletta nell’area occidentale del Lago, GardaConcierge presenta l’ultimo segmento della guida Bike sul Garda, quello in cui vi raccomandiamo alcuni tra i migliori Itinerari bici del Lago di Garda Lombardia.

La Valtenesi
itinerari del garda lombardia valtenesiIl primo percorso che vi proponiamo è quello che fa un tour della Valtenesi, la zona tra il Garda e le colline Moreniche famosa per la produzione vitivinicola bresciana. Si tratta di un’escursione di poco meno di una quarantina di chilometri discretamente impegnativa nonostante il dislivello non superi i 600 metri.
Questo itinerario parte dal Padenghe, precisamente dal Castello, e poi procede in direzione nord alla volta di Moniga, che si lascia successivmente alle spalle per raggiungere Manerba del Garda. Consigliamo qui di arrivare alla Rocca di Manerba per godere di un ottimo panorama sul Lago. Una volta riguadagnata la sella il viaggio continua alla volta di San Felice del Benaco e poi verso l’entroterra in direzione di Cunettone. Qui inizia la salita verso le località di Palude, Castello e Puegnago sul Garda. A questo punto si rientra ancora in direzione ovest per portarsi ai laghetti di Sovenigo, tre specchi d’acqua dove nei mesi di luglio e agosto si assiste alla fioritura dei fiori di loto. A questo punto comincia la discesa che porta a Polpenazze, Soiano ed infine nuovamente a Padenghe.

Manerba del Garda
itinerari del garda lombardia manerba del gardaVeniamo ora ad un percorso decisamente più contenuto dal punto di vista della lunghezza, questo itinerario alla scoperta di Manerba del Garda, infatti, non supera i 20 chilometri, si percorre in un paio d’ore e si considera di difficoltà media.
L’itinerario che vi proponiamo è consigliato alle mtb perché si divide equamente tra asfalto e sterrato. Dal centro storico di Manerba ci si dirige prima verso Porto Dusano, quindi si costeggia il Lago tra sentieri e strade asfaltate raggiungendo la Rocca e poi la località Pisenze, oltre il Lido di Manerba. Il panorama sul Lago che si gode dalla Rocca è davvero speciale e merita almeno una sosta. Da Pisenze si procede quindi in direzione meridionale, salendo dopo poco verso il borgo di Balbiana, una volta oltrepassatolo si scende ancora in direzione sud e si raggiunge la frazione di Gardoncino prima di tornare a Porto Dusano e da lì rientrare nel centro di Manerba.

Puegnago
itinerari del garda lombardia puegnago castello soianoPresentiamo qui un altro giro, consigliato a gambe un po’ più allenate: l’itinerario del Garda Lombardia che da Puegnago conduce nell’entroterra bresciano è di una ventina di chilometri prevalentemente sterrati con un dislivello che non supera i 600 metri complessivi.
La partenza è in piazza Castello, dove dopo un paio d’ore si rientrerà un po’ affaticati ma con alle spalle la meravigliosa esperienza di visita di parte della Valtenesi. Si segue per Polpenazze e dopo poco si abbandona l’asfalto per una strada sterrata che arriva quasi a raggiungere la località sopra citata. Anziché raggiungere il centro, però si continua verso sud per Soiano e si percorre una strada cinta da cipressi che accompagna su di un poggio naturale. Una volta arrivati a questo punto, si costeggiano i vigneti e si procede quindi per Gavardo, raggiungendo poi la località Basia dalla quale si scende per tornare a Puegnago da dove si era partiti.

Monte Pizzocolo
itinerari del garda lombardia monte pizzocoloSebbene sia un percorso di non più di una trentina di chilometri, il giro del Monte Pizzocolo affronta un dislivello di quasi 1.200 metri con una durata di quasi 4 ore e mezza, si considera perciò piuttosto impegnativo. Per poco più di metà dell’itinerario si percorrono strade forestali, il resto di divide tra strade asfaltate, piste ciclabili e una piccola parte che si affronta spingendo la bici, o portandola in spalla.
La partenza è fissata a Toscolano Maderno, dal quale si procede verso la località Gaino dove si prende la forestale che porta all’interno della valle fino al Ponte delle Camerate. Dopo una salita piuttosto ripida, è qui che si avanza con la bici a spinta, si arriva al Rifugio Pirlo e al Passo dello Spino e infine al Rifugio Pirlo allo Spino dove si consiglia una sosta. Inizia quindi la discesa che porta prima all’incrocio Il Pirello e in seguito alla località San Michele. Poi si tocca Supiane e si raggiunge Toscolano Maderno lungo la pista ciclabile.

Da Tremosine a Toscolano Maderno
itinerari del garda lombardia tremosineEcco un itinerario che però, a differenza dei precedenti, non è circolare ma scende da Tremosine a Toscolano Maderno. Si tratta di circa una cinquantina di chilometri che si percorrono più o meno in 6 ore per un dislivello totale di quasi 1.200 metri.
La località di Vesio è il punto di partenza, da dove si scende in direzione Salò risalendo poi verso il valico di Ca’ di Natone. Si scende ancora per portarsi alla località di Prabione che ci si lascia alle spalle per alzarsi sull’altopiano di Tignale dove si toccano Gardola, Olzano e Cima Piemp. Si imbocca a questo punto una strada forestale per arrivare lungo un tratto parzialmente pianeggiante alla piazzola per l’atterraggio degli elicotteri e quindi al Passo d’Ere. Inizia da qui la discesa a valle che porta a Bocca del Paolone, Costa e il valico di Bocca Magno, da dove continua la discesa alla volta di Toscolano Maderno. Si superano quindi le località di Formaga, Navazzo, Cabiana, Gaino e infine si raggiunge la destinazione della gita, Toscolano Maderno.

Monte Tremalzo
itinerari del garda lombardia monte tremalzoSeppur questo percorso parta da Riva del Garda, nella parte trentina del Lago, si sposta successivamente verso quella bresciana e si percorre in gran parte in questa regione. La gita alla scoperta del Monte Tremalzo è una tra le più classiche della zona ed è consigliata a chi ha un buon allenamento alle spalle dal momento che si snoda lungo un percorso di oltre 60 chilometri con un dislivello di quasi 2.000 metri e una durata di circa 6 ore e mezza. La superficie si divide quasi in percentuali identiche tra asfalto e strada forestale contando anche una piccola parte ciclabile.
Partendo da Riva del Garda si imbocca la Gardesana Occidentale e successivamente il Sentiero del Ponale, dal quale si gode di una vista spettacolare dell’Alto Lago. Si raggiungono poi le località di Prè e Molina di Ledro, quindi si costeggia il Lago di Ledro fino al porto Pieve di Ledro. Si supera a questo punto un ponte in pietra e si sale verso il Passo Tremalzo, dove si arriva avendo passato il Rifugio Garbaldi. Si sale ancora fino a raggiungere il punto più elevato dell’itinerario, Bocca di Val Marza a 1.787 metri di altitudine. La discesa porta a Passo Pra della Rosa, Passo Nota, Passo di Bestana e alla Bocca dei Fortini. Si scende in direzione della Valle di Ledro e una volta raggiunto Legos si riguadagna Riva del Garda lungo la stessa strada percorsa all’andata.